IL TRISTE RICORDO DEL 23 NOVEMBRE 1980 di Nunzio Di Rienzo

 

14876682_1675910076054600_7452055199971292350_o

14604867_1675910929387848_6671731243203168374_n Era domenica, una giornata caldissima, di mattina, nella sede della Pro Loco in Via Diaz, di fronte al Bar Roma, si tennero le elezioni del nuovo Consiglio

di Amministrazione. Il sudore abbondava sulla fronte dei partecipanti e qualcuno sventolava il fazzoletto. Armando Cavallo, disse che era il giorno ideale per fare un bagno. L’entusiasmo dei nuovi eletti, si trasferì nel pomeriggio, con una riunione straordinaria che determinò una bella programmazione per le imminenti festività natalizie.
Alle 19 tornai a casa e sdraiato, mi misi a vedere la partita in differita, Inter Juventus vinta dalla Juve per tre a zero. Alle 19,34, improvvisamente, il pavimento si mise a ballare fortemente ed i muri di casa oscillavano facendoci perdere l’equilibrio. Mi fermo qua, per non rivivere quei momenti terribili.
Tutti in strada. Da San Pietro era venuto un grande boato, simile ad un’esplosione e si vide una enorme nuvola di polvere che dopo circa un’ora si diradò . “ E’ caruta a Chiesa di San Pietro !” grida, pianti , tutti fummo assaliti da una disperazione immensa. Presagendo un 14925606_1675911579387783_3411798022039805915_ndisastro immane perché era l’ora in cui si celebrava ancora la S. Messa. Nessuno osava avventurarsi sul ponte per raggiungere il luogo e ci si affidava a notizie frammentarie che andavano da nessun morto a molti morti.
L’alba del giorno dopo, mostrò una chiesa distrutta, crollata interamente, con i due Santi Pietro e Paolo intatti sui loro basamenti sui fianchi dell’Altare , anch’esso distrutto.
Don Gerardo, piangente, raccontava un grande miracolo : Aveva terminato la celebrazione cinque minuti prima perché doveva partecipare ad una festa. In Chiesa c’erano circa 50 persone, qualcuno disse 80.
Montecorvino, era stata risparmiata dalla catastrofe : nessun morto, anche se molti danni strutturali. Allora si ringraziarono i due Santi risorti illesi dalle macerie e la Madonna dell’Eterno che protegge questo Paese col suo sacro manto. Infatti il giorno 8 dicembre, successivo, giorno dell’Immacolata, partì una processione da Piazza Umberto I diretta al Santuario per ringraziamento della Sua Benedetta Protezione.14632841_1675911349387806_6349081825948226313_n
Ai fratelli colpiti, dico coraggio ! Rialziamo la testa per dimostrare la nostra dignità , capaci di affrontare un dolore immenso confortato, fortunatamente, da tanti Angeli !

COMMENTI